In Sicilia l’energia rinnovabile si fa come il buon vino

0
17

L’agricoltura e la produzione di energia rinnovabile possono andare di pari passo, come dimostrato dal progetto dell’impianto agrivoltaico sviluppato da Enel Green Power in collaborazione con la start-up italiana Sentnet. Questo impianto, che vanta una capacità massima di 44kWp grazie a moduli fotovoltaici bifacciali disposti verticalmente, è stato progettato per interferire il meno possibile con le attività agricole, lasciando oltre il 90% della superficie coltivabile libera per l’uso agricolo.

Il design verticale dei pannelli assicura un ingombro minimo e previene l’ombreggiamento tra le file parallele, permettendo così la massima esposizione alla luce solare senza compromettere le aree coltivate. Tale configurazione non solo facilita la manutenzione e la pulizia dei pannelli stessi, ma garantisce anche l’ottenimento di acqua da riutilizzare in agricoltura attraverso un sistema brevettato di raccolta dell’acqua piovana.

La presenza di una rete di sensori intelligenti, che monitorano parametri vitali sia per la produzione energetica che per quella agricola, come le condizioni meteo e l’umidità del suolo, è fondamentale per analizzare l’efficacia del sistema. Questi sensori sono stati posizionati in due aree differenti per confrontare i risultati e indagare i benefici dell’integrazione di questa tecnologia nell’ambiente agricolo.

Miriam Di Blasi di Enel Green Power sottolinea l’importanza degli Open Lab come esempi pratici di innovazione aperta, che permettono collaborazioni strette con il territorio e la promozione di un approccio scientifico consolidato. La cooperazione tra aziende agricole, apicoltori, istituti accademici, centri di ricerca e start-up è essenziale per sviluppare soluzioni sostenibili che combinano le esigenze energetiche e agricole.

La strategia di Enel Green Power si concentra sull’espansione di questi laboratori all’aperto, con la previsione di aprire il quinto e ultimo Open Lab Agrivoltaico entro la fine dell’anno, a seguito del lancio di quattro Open Labs in Italia nel 2023. Questa iniziativa dimostra un impegno verso l’integrazione dell’energia rinnovabile con altre attività economiche e la promozione della sostenibilità ambientale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here